Segui la diretta STREAMING del canale digitale 217

Cronaca

Controlli a tappetto per smascherare le frodi e le etichette Fraudolente dell’Agnello Igp di Sardegna.

La scoperta  in una grande catena di supermercati della Penisola di una probabile frode alimentare ai danni dell’Agnello di Sardegna Igp, commercializzato con tanto di vistosa etichetta come “Igp Agnello di Sardegna, allevato e macellato nel Regno Unito”, ha fatto drizzare le orecchie sull’Isola ad allevatori e responsabili del Consorzio. La segnalazione della  probabile truffa arriva dal Continente ad uno stimato allevatore di Bassacutena che, a sua volta, gira la comunicazione al “Consorzio Agnello Igp Sardegna” e, per conoscenza, anche alla Nuova. “Il tentativo di attribuire la cittadinanza sarda ad agnelli esteri, dichiara Battista Cualbu,  è molto forte. Questo a dimostrazione che il prodotto Sardo è il più richiesto. E’ importantissimo che i consumatori, così come avvenuto in questa circostanza, ci segnalino subito qualsiasi sospetto. Anche se abbiamo intensificato i controlli con ulteriori “agenti vigilatori”, infatti, la possibile truffa è sempre dietro l’angolo. È una truffa che colpisce il prodotto sardo, dice ancora Cualbu, e diminuisce la remunerazione dell’allevatore ancora troppo bassa. Per questo motivo dico che è importante che tutti gli allevatori sardi certifichino gli agnelli Igp di Sardegna per poter avere maggiore potere  contrattuale e dare anche al consumatore la massima garanzia  di un marchio di qualità”. Sull’argomento con un comunicato interviene anche Alessandro Mazzette, direttore del Consorzio. “L’agnello di Sardegna Igp, durante le festività in corso, sta subendo una concorrenza sleale da parte dei prodotti esteri anche con la contraffazione attuata più o meno palesemente oramai ovunque. Nonostante tutto il nostro marchio continua a tirare. In questi giorni ci sono state segnalate da alcuni consumatori, etichette che evidenziano discordanze, come ad esempio quello “Igp Agnello di Sardegna originario del Regno Unito”. Si tratta di ben documentati casi di contraffazione sanzionabili e da segnalare alle autorità competenti per gli opportuni interventi.
Il Consorzio di tutela, dice ancora Alessandro Mazzette, difende la denominazione e garantisce la tracciabilità delle sue produzioni attraverso un sistema informatizzato che regola l’emissione di ogni singola etichetta. I nostri agenti sono costantemente sul campo al fine di monitorare e vigilare sul prodotto. A volte è difficile scoprire le frodi, ed è per questo motivo che chiediamo sempre il supporto a parte anche dei consumatori che possono denunciare eventuali anomalie e improbabili tarocchi, tramite WhatsApp o al numero 3341013034”. (a.m.)

Related posts
AttualitàCronacaPolitica

1640 firme per difendere il Dettori

AttualitàCronacaPolitica

Antonio Balata a difesa del Dettori

AttualitàCronaca

Unione dei Comuni interviene su viabilità

AttualitàCronaca

Arrestato 32enne con "hashish afgano"

Vuoi collaborare con noi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *