Segui la diretta STREAMING del canale digitale 217

AttualitàCronaca

Abali Basta ipotizza denuncia Assl per interruzione di Servizio

Il Presidio a difesa del Paolo Dettori nei prossimi giorni inoltrerà alla Procura della Repubblica di Tempio una segnalazione ipotizzando la possibilità di interruzione di pubblico servizio nella decisione dell’Ats e dell’Assl di Olbia di chiudere, nell’aprile scorso, il reparto di Ostetricia e Ginecologia e di continuare a mantenerlo chiuso nonostante da mesi il reparto si presenti con l’organico nella sua interezza.

La decisione del Presidio

La decisione è maturata all’interno del Presidio. Dopo che, nei giorni scorsi, una delegazione di tre persone ha avuto un colloquio presso la Procura della Repubblica di Tempio, con il Procuratore capo Gregorio Capasso. L’assemblea, “svoltasi in un clima sereno, che ha smorzato, dice un comunicato, toni precedenti che avevano generato spiacevoli conseguenze sui social, ha reso noto che intende coinvolgere nella vicenda il Ministero della Salute e lo stesso ministro, Giulia Grillo”. “Lo scopo, scrive ancora il comunicato, è quello di avviare una trattativa diretta con l’intento di salvare il Paolo Dettori. E ovviamente riaprire quanto prima il punto nascite. Il Ministro Grillo si è già detta favorevole a presentarsi in città. Di cui peraltro conosce già le problematiche sanitarie, per un sopralluogo, che dovrebbe interessare non solo Tempio ma altri presidi sanitari”.

Le dimissioni del Sindaco di Tempio

La discussione si è poi concentrata sulle dimissioni del sindaco Biancareddu. Che hanno sicuramente aperta una frattura di non poco conto con gli altri dieci sindaci dell’Unione dei Comuni. “La forte presa di posizione del Sindaco, scrive il comunicato del Presidio, non solo è un doveroso rispetto degli impegni assunti la sera del 21 novembre scorso, di fronte a centinaia di cittadini galluresi. Non solo da lui ma anche dagli altri nove sindaci presenti. Assenti solo il Sindaco di Luras (che peraltro aveva dato delega a Biancareddu di rappresentarla) ed il Sindaco di Santa Teresa. Ma rappresenta anche la presa d’atto definitiva dello stato di rischio a cui le comunità dell’Alta Gallura, sono esposte. Con il Paolo Dettori gravemente compromesso nell’erogazione dei servizi sanitari anche minimi”.

Il presidio, durante l’incontro ancora una volta si è appellato al senso di responsabilità dei Sindaci dell’Alta Gallura. Augurandosi che, nei prossimi giorni, il fronte si ricompatti. A margine di questo, vi è anche da dire che sta creando non poche perplessità il fatto che, l’Unione dei Comuni, non sia ancora riuscita ad esprimere un annunciato comunicato stampa, sulla discrepanza di posizioni sulla sanità dei sindaci. Dopo cinque giorni dalle dimissioni di Biancareddu,

Related posts
Attualità

Rinnovata la convenzione fra Comune e Protezione civile Alta Gallura. Soddisfatto l’assessore Francesco Quargnenti.

AttualitàCronaca

Centro Trasfusionale del Dettori: un “dejà vu”

AttualitàCronaca

Scandalo al Centro Trasfusionale

AttualitàCronaca

Rimodernamento dell’Impianto di Trattamento dei Rifiuti di Parapinta

Vuoi collaborare con noi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *