Segui la diretta STREAMING del canale digitale 217

AttualitàCronaca

Città dei paesi della Gallura: un sistema che funziona

Cantieri operanti e bandi per nuove risorse.

“I cantieri nati in Gallura con il progetto a suo tempo definito “Città di paesi della Gallura”, in questa porzione di territorio sono già funzionanti ed operativi.” Ad affermarlo ieri mattina a Sant’Antonio di Gallura, in una sala gremita di pubblico e circondato da molti sindaci del territorio, fra cui lo stesso presidente dell’Anci Emiliano Deiana, è stato Raffaele Paci, Assessore Regionale Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio. Lo stesso che a gennaio del 2017 aveva firmato il progetto di sviluppo da 32 milioni di euro presentato dalle Unioni di Comuni Gallura e Alta Gallura e che giunto quasi al termine del suo mandato ha voluto verificare, insieme agli amministratori locali, con un sopraluogo, lo stato di attuazione.

Visita ai cantieri di Sant’Antonio

Due, in particolare, i cantieri visitati a Sant’Antonio di Gallura. Il primo dalla forte connotazione ecologica ed ecosostenibile, in piazza Matteo Rizzuttu ed il secondo nella Casa Museo della Diga. Nel primo si stanno realizzando interventi finalizzati alla riduzione di consumi energetici e all’introduzione di nuovi sistemi di mobilità collettiva a basso impatto ambientale, attraverso la realizzazione di infrastrutture e l’acquisto di mezzi elettrici. 330mila euro per finanziare il progetto. Nel secondo, quello della Casa Museo, costato 250 mila euro si stanno realizzando opere infrastrutturali cui seguiranno immediati interventi per garantire innovativi servizi di supporto al turismo.

L’incontro nell’aula consiliare di Sant’Antonio

Subito dopo i sopralluoghi, l’incontro è proseguito nell’aula consiliare del paese. Hanno presenziato il sindaco Carlo Duilio Viti, presidente dell’Unione dei Comuni “Gallura”, con il vicepresidente dell’Unione dei Comuni “Alta Gallura”, Nicola Muzzu. Inoltre erano presenti il referente politico del progetto e presidente Anci, Emiliano Deiana con la responsabile dell’ufficio unico di progetto Franca Murgia. Nel corso dell’incontro, cui hanno partecipato anche diversi altri sindaci del territorio, si è fatto il punto della situazione. Ma si è anche accennato a futuri altri progetti. “Di tutti gli oltre 50 interventi previsti dalla “Città dei Paesi della Gallura”, ha fatto rilevare, fra le altre cose, l’Assessore Paci, sono state chiuse le gare di progettazione e avviate le gare per i lavori. Che, per di più, dal momento della firma del progetto vanno conclusi in 36 mesi”.

Paci, visitando i cantieri si è detto “orgoglioso per averlo potuto fare e per avere constatato di persona i risultati concreti. Significa, ha detto, che la nostra programmazione territoriale funziona. La formula è quella giusta. I progetti diventano cantieri e non restano sulla carta. I 500 milioni che abbiamo complessivamente messo in campo in Sardegna, si trasformeranno tutti in interventi concreti”.

Raffaele Paci, Assessore Regionale Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio
Related posts
Attualità

Rinnovata la convenzione fra Comune e Protezione civile Alta Gallura. Soddisfatto l’assessore Francesco Quargnenti.

AttualitàCronaca

Centro Trasfusionale del Dettori: un “dejà vu”

AttualitàCronaca

Scandalo al Centro Trasfusionale

AttualitàCronaca

Rimodernamento dell’Impianto di Trattamento dei Rifiuti di Parapinta

Vuoi collaborare con noi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *