Segui la diretta STREAMING del canale digitale 217

AttualitàCronacaPolitica

Tempio Sassari e la Malasanità

Tempio Sassari e la malasanità

Incredibile odissea per un anziano gallurese. Rifiutato dal Santissima Annunziata di Sassari per carenza di posti nonostante la gravità delle sue condizioni di salute. Tempio e Sassari al centro, fra martedì sette e mercoledì otto, questo incredibile episodio di malasanità ha creato indignazione e proteste.

Meningococco

Un anziano commerciante di un piccolo centro gallurese, ha avuto necessità di essere trasportato d’urgenza, dal 118 del paese, al Paolo Dettori; il motivo un forte malessere accusato nelle prime ore della notte di martedì. Inoltre, su prescrizione del medico che sospettava una infezione di meningococco. Al Santissima Annunziata di Sassari si è visto rifiutare il ricovero; per una intera notte e buona parte della mattinata dell’otto maggio “per mancanza di posti”.

Malasanità

Né è scaturito fuori un classico episodio di malasanità sul quale è auspicabile una seria inchiesta, non solo di carattere amministrativo.

La storia

Un addetto sanitario racconta: “quando abbiamo soccorso l’uomo, a causa del suo stato, siamo stati incaricati dal medico di trasportalo immediatamente a Sassari, senza transitare al Paolo Dettori di Tempio. Da Sassari però venivamo informati che non era possibile il ricovero in quella struttura, per carenza di posti e che pertanto dovevamo trasportare il paziente al Paolo Dettori. Cosa che abbiamo regolarmente fatto. Al Paolo Dettori, è stata avviata una poderosa profilassi su quanti per ore erano venuti in qualche modo a contatto con l’uomo. Il commerciante è stato assistito nei termini e nei modi in cui un Pronto Soccorso di un ospedale in disarmo, come stanno riducendo il Dettori, può fare. Mercoledì 8 maggio la richiesta di ricovero urgente a Sassari, nuovamente ed incredibilmente, è stata respinta. Sempre con la solita motivazione della carenza di posti.”

Azione di forza

A questo punto un medico del Paolo Dettori, ha fermamente deciso di imporsi su Sassari ed ha ordinato che l’uomo fosse trasportato e consegnato al Santissima Annunziata, dove il malato volenti o nolenti doveva essere ricoverato. Praticamente una sorta di azione di forza che ha costretto i responsabili sanitari sassaresi ad accollarsi il malato. Intorno alle 15 di mercoledì 8, non si conoscevano ancora, a Tempio, le condizioni dell’uomo. Né si sapeva se era ricoverato nel reparto infettivi o se ancora posteggiato in attesa delle cure dovute.

Scandalo e rabbia in Gallura

L’episodio, raccontato in tutte le salse ed in attesa dei comunicati ufficiali, sta suscitando in alta Gallura molto sdegno. “Quanto sta accadendo, dicono in tanti, non è che il risultato negativo della scellerata conduzione sanitaria attuata dalla Regione Sardegna; non soltanto con la giunta Pigliaru, appena scomparsa, ma anche da precedenti esecutivi che con alcuni esponenti potrebbero in qualche modo tornare ad “occuparsi” di sanità.

Vicenda cupa

La vicenda è resa ancora più cupa, di quanto non lo sia, dalla possibilità che, il malato in oggetto, possa avere contratto la meningite. In Gallura infatti, gli episodi di Meningite sono sempre più frequenti. Gli ultimi casi: una donna nel febbraio di quest’anno ed un giovane nel marzo scorso. Questo disgraziato terzo caso, al di là della gravità della malattia che lo potrebbe avere colpito, è incappato, anche, nel pieno marasma di una sanità pubblica totalmente disastrata.

E la Giunta regionale della Sardegna nata dopo 73 giorni dalla sua elezione continua a giocare a nascondino!

Related posts
Attualità

Finanziamenti negati ai disabili

Attualità

A Tempio una giornata di studio sulla Sclerosi multipla

Attualità

Rischio idraulico e idrogeologico per domenica 25 maggio

AttualitàCronacaPolitica

1640 firme per difendere il Dettori

Vuoi collaborare con noi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *