Segui la diretta STREAMING del canale digitale 217

AttualitàCronacaPolitica

Piazza XXV Aprile: dubbi sulla regolarità dei lavori

La Piazza trasformata in un ring politico-amministrativo fra l’ex Sindaco Biancareddu e l’estromessa ex Vicesindaco Anna Pola Aisoni. Mario Addis, del PD, esprime dubbi sulla regolarità dei lavori in Piazza XXV aprile.

Che ci azzeccano le resine colorate con la Città di Pietra?

“I lavori sulla Piazza XXV Aprile, porta di accoglienza di turisti e visitatori, che si presenta oggi in condizioni di assoluto degrado, potrebbero essere inficiati dalla carenza di una autorizzazione paesaggistica della Soprintendenza di Sassari”. Ad affermarlo, in un comunicato stampa, è Mario Addis, segretario del Pd cittadino, che esprime, sempre nel comunicato, molti dubbi sulla regolarità degli attuali interventi.

Vincolo obbligatorio

“Di tale autorizzazione, scrive, non vi è traccia alcuna nella documentazione visibile, sinora, sul sito internet del Comune”. La Piazza con il Parco delle Rimembranze e la parte a valle di Via Stazione Vecchia, spiega Mario Addis, sono sottoposti a vincolo paesaggistico; con un Decreto Ministeriale del 12 maggio 1960. Si tratta di un vincolo obbligatorio. Di una tutela contro abusi e opere; che potrebbero deturpare irrimediabilmente il territorio e il paesaggio.” “Mi chiedo se tale autorizzazione è stata richiesta, se è stata ottenuta e quando. Una sua carenza, avverte Mario Addis, avrebbe pesanti ricadute sui lavori. Allungando di molti mesi ancora la loro conclusione ed esporrebbe il Comune a sanzioni e innegabili brutte figure”.

Ring Politico

Dopo avere ricordato che la Piazza era stata creata per accogliere mamme e bambini, Mario Addis, accusa la giunta Biancareddu “di averla trasformata con poca lungimiranza, (oltre che in un ring politico fra lui e l’ex vicesindaco Anna Paola Aisoni), in un angusto parcheggio dove la pavimentazione in sampietrini è subito pericolosamente saltata.

Mutuo pesante

Imperterrita e cocciuta nella sua totale disorganizzazione, nel tentativo di porre rimedio ai suoi errori, prosegue il segretario Pd, la Giunta Biancareddu-Addis ha pensato di finanziare quello che loro hanno distrutto, con l’assunzione di un mutuo che peserà per decenni sulla collettività. Mirabile esempio, scrive caustico il segretario Pd, di buon amministrazione ed attenzione”.

Resine colorate

In chiusura, Mario Addis esprime anche un suo personalissimo giudizio estetico sugli interventi. “Al di la dei gusti, mi pare davvero strano che una città che per anni ha promosso la propria immagine come “Città di pietra” e che ha basato la propria comunicazione istituzionale valorizzando le caratteristiche architettoniche uniche nel suo genere, voglia presentarsi al suo ingresso con un pavimento in resine colorate che poco ci azzeccano con tutto il resto della città”.

Related posts
Attualità

Per le donne mastectomizzate bracciali elastico-compressivi inaccessibili

Attualità

Le minoranze consiliari spronano la giunta con diverse interrogazioni.

Attualità

Cambio al vertice dei Commissariati di Pubblica Sicurezza di Olbia e Porto Cervo

Attualità

Approvato primo lotto funzionale nel compendio Pischinaccia- Rinagghju.

Vuoi collaborare con noi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *