Segui la diretta STREAMING del canale digitale 217

Attualità

Il Paolo Dettori è un Ospedale non uno Stabilimento

Lo afferma il Direttore del Pronto Soccorso di Tempio.

Dopo la pesante esternazione dell’onorevole Andrea Biancareddu che ieri ha chiesto: “le dimissioni volontarie ed immediate di Antonella Virdis e Luigi Presenti, rispettivamente, Direttore dell’Assl di Olbia e Direttore della Chirurgie dei tre ospedali galluresi prima che altri li dimettano, ha scritto l’assessore regionale”, sulla vicenda entrano a gamba tesa e allo scoperto anche diversi medici galluresi ai quali le severe regole interne, imposte da Fulvio Moirano, impedivano di lamentarsi per le disfunzioni dell’Assl di Olbia. Uno di loro, che pubblicamente aveva denunciato diverse manchevolezze, per esempio, fu portato addirittura in giudizio dove fu assolto con formula piena. Il cambio di marcia avviene dopo la vicenda, (assurta ormai all’attenzione della cronaca nazionale), della 92nne tempiese operata a casa da un Chirurgo motociclista in vacanza sull’Isola, dopo il diniego dell’Assl di Olbia di inviare a domicilio un chirurgo, così come lo stato della malata imponeva. Diversi medici ora escono allo scoperto e si lamentano con forza delle troppe disfunzioni e disattenzioni con cui viene gestita la Sanità a livello burocratico. Fra questi vi è anche  Elio Tamponi, direttore del Pronto Soccorso di Tempio che lamenta che: “nel burocratese della nostra Assl, la parola “Ospedale” non viene mai usata. Significativamente, scrive, i burocrati parlano sempre e comunque di “Stabilimento”. Ad indicare, quasi, che quanto avviene fra le mura di un ospedale possa essere equiparato a quanto avviene in una stabilimento di imbottigliamento dell’acqua, in un fabbrica di tappi di sughero, o in una azienda di rondelle e guarnizioni.  “I malati che noi trattiamo, dice invece il dottor Tamponi, non sono tappi, bottigliette d’acqua o rondelle da trattare in uno stabilimento, sono esseri umani da “curare” in Ospedale. Ecco, dice Elio Tamponi, diamo ad ogni luogo l’esatto nome. Io, così come gli altri miei colleghi. non siamo mai stati dipendenti dello “Stabilimento” Paolo Dettori di Tempio. Siamo medici dipendenti dell’Ospedale. Se dessimo ad ogni cosa il giusto appellativo, forse saremmo tutti (medici e burocrati), più consapevoli della nostra missione

Related posts
AttualitàEventi

Rete Europea sul Mercato del Lavoro a Tempio

AttualitàEventiGiovani

Oktobeer Fest a Tempio

AttualitàCulturaEventiGiovani

Fidali del '75 all’opera per raccogliere fondi

AttualitàAvvisi

Iniziano i colloqui per assunzioni nel Servizio Civile

Vuoi collaborare con noi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *