Segui la diretta STREAMING del canale digitale 217

Attualità

Paratissima arriva a Tempio e trasforma i suoi palazzi

Nuova iniziativa di ColorArt.

Manuel Marotto. ColorArt, l’associazione che da anni utilizza gli edifici in granito e le pavimentazioni lapidee di Tempio come quinta scenica mescolando creatività e colori per dar vita opere che promuovono in maniera virale l’immagine della città nel mondo, colpisce ancora. Il progetto “Tempio a Colori” ideato e sviluppato dall’Ingegner Manuel Marotto con ColorArt, ha ampliato, con il contributo della Fondazione di Sardegna e del Comune di Tempio, la proposta artistica trasformando la Città di pietra nella Città dei colori. “Tempio a Colori” entra in “Paratissima”, network nazionale sviluppato nel corso degli anni a partire dall’esperienza di Torino come manifestazione off di Artissima e diventata in pochi anni evento di riferimento nel panorama artistico nazionale.

Urban Frames. E così quest’anno ColorArt e Paratissima hanno sviluppato il progetto Urban Frames, un intervento di street art in scala urbana volto a riconfigurare temporaneamente cinque palazzi del centro storico scelti in base a visibilità e possibilità di accesso in sicurezza. Ad ogni artista è stato assegnato un edificio sulle cui aperture intervenire in modo coerente ed omogeneo in modo da presentarsi come un’unica macro installazione.

Passione per la Città. Ognuno ha lavorato su pannelli rimovibili realizzati dall’associazione in rete microforata rendendo così l’installazione finale, temporanea, compatibile con la normale vita all’interno degli ambienti. E gli artisti per una settimana hanno dipinto in pubblico le singole tele tra la curiosità di chi non sapeva il perché. “Artisti come “Corn79” e “Mach505” autori, rispettivamente, delle opere sul Municipio e Via Gramsci che, venuti da Torino grazie a Paratissima,- dichiara l’Ingegnere Manuel Marotto – hanno sposato la passione e l’amore per la città che da sempre muove ColorArt.

Artisti tempiesi. Al pari di Antonio Asara, che terminato Palazzo Graziani ha chiesto la possibilità di riempire altri vuoti o Simone Sanna, accorso entusiasticamente alla richiesta di completare il Palazzo degli Scolopi con ulteriori tele. E Tommaso Pirrigheddu altro artista che all’istante si è fatto contagiare dalla possibilità di diffondere la bellezza della Città. Perché, secondo un concetto ripreso nei secoli e splendidamente abbinato alle immagini diffuse sui social “la bellezza è nell’occhio di chi guarda” ed oggi gli occhi screziati dei palazzi restituiscono l’immagine di una stupenda città”.

Related posts
AttualitàAvvisi

Disservizi Abbanoa per Tempio e comuni limitrofi

Attualità

Celebrato domenica 28 luglio il 36 esimo anniversario della strage di Curragghja

Attualità

Replica Unione dei Comuni Alta Gallura a Cooperativa Tramuntana

Attualità

A Tempio si ripete Color Art

Vuoi collaborare con noi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *